Archivio Certosini

ago
31

Certosini

Di:

 

San Bruno (Brunone), fondatore dell'Ordine Certosino.

L’Ordine Certosino (in latino “Ordo Cartusiensis”) è un Ordine monastico contemplativo della chiesa cattolica fondato dal germanico San Bruno o Brunone (n. a Colonia nel 1030 e morto il 6 Ottobre 1101 a Serra San Bruno, in provincia di Vibo Valentia). Il movimento certosino poggia su tre pilastri: la solitudine e il silenzio, la vita comunitaria come complemento di quella solitaria, una liturgia propria. Questa caratteristica della vita certosina, cioè una unione di uomini solitari che vivono in una piccola comunità monastica, si è conservata attraverso i secoli.

I certosini continiuano ad essere da circa un millennio uomini solitari siano essi padri o fratelli e cioè sacerdoti o conversi. La solitudine, vissuta per Dio solo, implica la separazione dal mondo, realizzata mediante la clausura. Il monaco certosino usufruisce di una sola uscita settimanale, per il passeggio comune. I momenti di vita comunitaria sono costituiti fondamentalmente dalla liturgia, che viene celebrata in comune.

L’Ordine fu fondato da San Bruno nel 1084, in Francia. Il nome dell’Ordine deriva dal massicio della Certosa (Massif de la Chartreuse), dove san Bruno e sei compagni cercarono la solitudine per dedicarsi alla vita contemplativa e dove costruirono il loro monastero, la Grande Chartreuse. Dei sei monaci che hanno costituito con Bruno il nucleo monastico certosino quattro erano chierici e due erano laici; i primi furono ben presto detti padri, i secondi fratelli o conversi. Tale terminologia è tuttora valida per distinguere, all’interno della comunità coloro che sono sacerdoti dagli altri monaci. 

La Grande Chartreuse.