Archivio Preghiere

Confederazione_Templare_Bernard-de-Clairvaux

Pray with us!

This evening, before bed, remember to pray for all our brothers and sisters in Christ, and especially for children that in Syria, the Middle East and a bit anywhere, from months, are killed because of their faith.bambini-cristiani1

 

PREGHIERA A SAN MICHELE ARCANGELO

San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia, contro la malvagità
e le insidie del diavolo sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici: che
il Signore lo comandi ! E tu, principe delle milizie celesti, con la
potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell’inferno Satana e gli altri
spiriti maligni, che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime. Amen

ORATIO AD SANCTUM MICHAELEM

Sancte Michael Archangele, defende nos in proelio; contra nequitiam et
insidias diaboli esto praesidium. Imperet illi Deus, supplices
deprecamur: tuque, Princeps militiae caelestis, Satanam aliosque
spiritus malignos, qui ad perditionem animarum pervagantur in mundo,
divina virtute in infernum detrude. Amen

 

Questa preghiera rientra in quello che veniva chiamato il “Vetus Ordo Missæ”. Questa antica modalità di celebrare l’Eucarestia trae spunto dalla liturgia di papa Gregorio I, e per questo motivo viene chiamata anche “messa gregoriana”. Altri nomi utilizzati per definire questa liturgia sono: “Messa di san Pio V”, “rito antico”, “rito tradizionale”, “messa romana classica”. 

Si parla anche di “Rito tridentino”  per sottolineare il fatto che la messa è celebrata sotto i canoni del concilio di Trento. Dopo il Concilio Vaticano Secondo la messa tridentina è definita dalla Chiesa «forma extraordinaria del rito romano».

Categorie : Preghiere
Dec
08

A Maria

Di:

Antica preghiera  dei Cavalieri Cistercensi rivolta a Maria, la Vergine Madre di Dio.

Maria, Tu che la Concezione di Dio
hai nutrito
con il corpo e con il ventre
sino alla luce del giorno
dal quale l’evento si estende
e si estinse il travaglio del parto,
Tu, che al di fuori dei riti usuali
e richiami di razza e di sangue
il frutto più bello a noi tutti hai donato,
Tu, madre prescelta,
accoglici figli, se puoi,
e portaci al termine di questo passaggio esistenziale
fornendoci l’onore di venerarti
e la forza necessaria

per compiere in terra i disegni dell’Alto
come sono dettati e sanciti.
Affinché tutto avvenga nel modo più giusto,
guidaci
e la strada mostraci
perché i sacrifici dell’uomo
mai possano uscire e fuorviare
dai disegni celesti
diretti al completamento del bene universale.
E così sia!

Categorie : Preghiere

Padre Nostro Santissimo

Creatore, Redentore, Consolatore e Salvatore nostro

Che sei nei cieli…

negli Angeli e nei Santi illuminandoli a conoscere che tu, Signore, sei luce; infiammandoli ad amare, perché tu, Signore, sei amore; inabitando in essi, pienezza della loro gioia poiché tu, Signore, sei il sommo bene, eterno, dal quale viene ogni bene, senza il quale non vi è alcun bene.

Sia santificato il tuo nome…

si faccia più chiara in noi la conoscenza di te, per poter vedere l’ampiezza dei tuoi benefici, l’estensione delle tue promesse, i vertici della tua maestà, le profondità dei tuoi giudizi

Venga il tuo regno…

affinché tu regni in noi per mezzo della grazia e tu ci faccia giungere al tuo regno dove ti vedremo senza ombre, dove sarà perfetto il nostro amore per te, piena di gioia la nostra unione con te, eterna la nostra felicità.

Sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra.

gli altri a sopportare i mali e affinché ti amiamo con tutto il cuore, sempre pensando a te; con tutta l’anima, sempre desiderando te; con tutta la mente, indirizzando a te tutte le nostre intenzioni e in ogni cosa cercando il tuo onore; e con tutte le nostre forze, spendendo tutte le nostre energie e i sensi dell’anima e del corpo in offerta di lode al tuo amore e non per altro; e affinché amiamo i nostri prossimi come noi stessi, attirando tutti secondo le nostre forze al tuo amore, godendo dei beni altrui come fossero nostri e nei mali soffrendo insieme con loro e non recando alcuna offesa a nessuno.

Dacci il nostro pane quotidiano…

il tuo diletto Figlio, il Signore nostro Gesù Cristo, da’ a noi oggi a ricordo e riverente comprensione di quell’amore che ebbe per noi, e di tutto ciò che per noi disse, fece e patì.

Rimetti a noi i nostri debiti…

per la tua ineffabile misericordia in virtù della passione del Figlio tuo e per l’intercessione e i meriti della beatissima Vergine Maria e di tutti i santi.

Come noi li rimettiamo ai nostri debitori.

e quello che non rimettiamo pienamente, tu, Signore, fa’ che pienamente perdoniamo, cosicché, per amor tuo, amiamo veramente i nemici e devotamente intercediamo per loro presso di te, non rendendo a nessuno male per male e impegnandoci in te ad essere di giovamento in ogni cosa.

Non ci indurre in tentazione…

nascosta o manifesta, improvvisa o insistente.

E liberaci dal male…

passato, presente e futuro.

Amen

                        San Francesco d’Assisi

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli.

Amen.

La spiritualità ed il desiderio di pregare, di rivolgersi al Dio unico, comunque lo si voglia chiamare, appartiene a tutte le culture ed a tutti i periodi storici. Non è necessario avere compiuto studi approfonditi per esprimere questa tensione interiore. Nascono così le “preghiere del cuore”.

La preghiera qui sotto riportata, rivolta al Grande Spirito, appartiene alla cultura di Nativi Americani.

Non sappiamo quanto sia vecchia e chi l’abbia composta.

Dobbiamo un grazie a Yellow Lark  (letteralmente Allodola Gialla), Capo dei Lakota Sioux, se questo esempio di saggezza e di spiritualità è giunto a noi. Fu lui infatti a fare trascrivere in lingua inglese questa preghiera che venne inserita nell’opera “Preghiere dei Nativi Americani” sotto l’egida della Chiesa Episcopale nel 1887.

Ci si potrebbe domandare: ma che ci fa una preghiera Sioux in un sito di un ordine cavalleresco cattolico? La preghiera è stata qui riportata perchè è innanzitutto una preghiera bella, di cuore, ispirata. La preghiera è rivolta al “Grande Spirito” che è chiaramente il loro Dio, il Dio degli Sioux. Questi è tuttavia è  anche il nostro Dio.

A noi è piaciuta molto perché si trova quello spirito essenziale, scarno, tipico di chi vive i grandi spazi, a cavallo, spesso in solitudine e pensa, … capisce … e si inchina dinnanzi alla maestosità del Creatore dell’Universo. E’ la preghiera di un guerriero Sioux, che in fondo è anche lui un cavaliere della Luce.

Al Grande Spirito

Oh Grande Spirito, la cui voce odo nel vento e il cui respiro dà forza a tutto il mondo, ascoltami!

Io sono piccolo e fragile ed ho bisogno della tua forza e della tua saggezza.

Lascia che io cammini nella bellezza, e fa che i miei occhi trattengano sempre il rosso porpora del tramonto.

Fa che le mie mani rispettino sempre ciò che Tu hai creato, ed affina le mie orecchie cosicché possa udire ovunque la tua voce.

Rendimi saggio in modo da potere comprendere le cose che tu hai detto alla mia gente.

Lascia che io impari le lezioni che tu hai nascosto in ogni foglia, in ogni sasso.

Ho bisogno di essere forte, non per battere mio fratello, ma per sconfiggere il mio più grande nemico, me stesso.

Fa che io sia sempre pronto a venire a te con le mani pulite e gli occhi limpidi,

cosicché, quando la vita volge al termine come un tramonto che svanisce, il mio spirito possa tornare a Te, senza vergogna.

CYellow Kark - capo dei Lakota Sioux (Dakota)
Yellow Lark – capo dei Lakota Sioux (Dakota)
Traduzione dall’Inglese di fra Diego