mar
30

Messaggio in occasione della Santa Pasqua 2013

Da
Cristo è risorto.  Alleluja!

Cristo è risorto.
Alleluja!

Cari Fratelli,

dobbiamo essere grati al Padre Celeste che, nella sua infinita compassione, ha inviato all’umanità il suo figlio Gesù Cristo. Egli è venuto tra noi per condividere le esperienze umane e parlare al nostro cuore e alla nostra anima. Egli è venuto non solo per raccontarci ma a farci toccare con mano che la morte può essere vinta e che la Resurrezione è possibile.

La vita speso ci chiama a prove difficili e senza una guida diventiamo fragili, facilmente confusi nel cuore e obnubilati nella ragione. Gesù ci ricorda che dobbiamo risorgere dal sepolcro quotidiano in cui noi stessi ci siamo calati. Ricordiamoci che la resurrezione ha inizio nel cuore, con le vittorie quotidiane sulle meschinità e su quei comportamenti guidati da un ego accecato dalla volontà di possesso.

Sono invece le buone azioni quotidiane, la preghiera, il servizio amorevole agli altri, l’impegno sincero a superare quelli che sappiamo essere i nostri punti deboli a farci capire che, attraverso la grazia divina, la nostra resurrezione è possibile, anzi si sta già compiendo.

Cogliamo quest’occasione di rinascita per permeare ogni atto della nostra vita col Suo amore. Impariamo a utilizzare le nostre armi di Cavalieri: la fede e la determinazione.

Possa ciascuno di noi sperimentare in questa Santa Pasqua l’abbraccio del nostro Signore che ci risveglia e ci fa risorgere. Possa questo amore infiammare il cuore, la mente e l’anima, infondendo in noi il coraggio di sopportare le nostre croci quotidiane e la saggezza necessaria per non perdere il nostro cammino.

Questo è il nostro sentito augurio a ciascuno di voi.