apr
27

Lettera a “La Stampa” sulle elezioni a Seborga

Da

Gentile dott.sa Lorenza Rapini,

Lettera a La Stampa - pagina 1

Lettera a La Stampa – pagina 1

La ringrazio e mi complimento per il suo pezzo “spiritoso” sulle elezioni del cosiddetto “Principato di Seborga”.  Dai toni che ha usato traspare chiaramente il fatto che anche Lei si rapporta alla “favola” del “trono” e del “Principe Menegatto” con simpatica e garbata ironia.

In un altro passo Lei usa il termine “incoronazione” di Marcello mentre per la sua consorte (signora Nina) Lei usa il termine “principessa”; ciò sta ad indicare che anche Lei coglie in queste “elezioni” l’aspetto folkloristico e ridanciano di un Principe la cui “utilità” pare essere quella di cercare di fare affluire più turisti alle sagre in programma.

Come Lei ci anticipa la ”incoronazione di Marcello” avrà i toni di una rievocazione storica in costume e la partecipazione dei cittadini “sudditi” dovrebbe consentire di attirare per quel giorno tanti visitatori.

Fin qui tutto bene.

Si è però dimenticata di dire che precedentemente a questo “principato” folkloristico ce ne è stato un altro. Parlo di quello storico, quello vero, che è andato avanti per secoli sotto la guida degli Abati di Lérins o dei Gran Maestri dell’Ordine dei Cavalieri Bianchi.  Quello non era un Principato folkloristico.

Lettera a La Stampa - pagina 2

Lettera a La Stampa – pagina 2

Ormai da molto tempo, in assenza di un monaco Abate, il Principato è retto “ad interim” dal Gran Maestro dell’Ordine  secondo la tradizione che vuole che sia il GM del Venerabilis Ordo Sancti Sepulchri a reggere le sorti del territorio in assenza di un monaco Abate. Questo è valso anche per Giorgio Carbone, Principe di Seborga.

Un’ultima precisazione: noi non abbiamo principesse e non ci occupiamo di folklore ma di spiritualità Cristiana e della difesa di quei valori che hanno reso grande Seborga al di là delle sagre paesane.

+ Diego Beltrutti di San Biagio

Gran Maestro del Venerabilis Ordo Sancti Sepulchri e Principe di Seborga

Leave a Comment

*