ago
23

A SEBORGA IL FOLKLORE DURA TUTTO L’ANNO

Da
Molto apprezzati dal pubblico i "Cavalieri"

Molto apprezzati dal pubblico i figuranti “Cavalieri”

A Seborga il folklore dura tutto l’anno. Su queste colline di Ponente si muovevano un tempo veri Cavalieri, veri Monaci e un vero Principe; per secoli questa terra è stata culla della Cristianità.

seborga-20-08-2017-marcello-alvenia-guerra e cOggi invece figuranti Cavalieri dai candidi manti si mescolano ai seguaci, anch’essi di bianco vestiti, di una religione che ci limitiamo a definire “innovativa”.

Alla fine tutti in posa per la foto di rito dinnanzi alla chiesa di San Martino, muta testimone del cambiamento.

Noi del Venerabilis Ordo Sancti Sepulchri abbiamo un solo Credo; noi non facciamo parte delle tenebre e della notte; ecco perché noi, Cavalieri dell’Ordine Sovrano del Principato del Santo Sepolcro, non ci vedrete a queste sagre paesane. Non è che abbiamo qualcosa contro le sagre paesane ma è che non si possono confondere le due cose: la sacralità di una festa religiosa con il folklore ad usum turisti.

Diciamolo meglio: non ci vedrete fino a quando la sacralità della festa, la quale prevede la processione della statua del Santo BERNARDO guidata dal Parroco, sarà minata dalla presenza di così tanti figuranti impataccati. La festa del nostro Santo protettore non può essere momento per parodie o millanterie.

Forse i turisti e villeggianti che volevano assistere a un’investitura “vera” saranno rimasti delusi nel vedere quel signore di grigione vestito e munito di spadone “investire” con una modalità del tutto innovativa e sbrigativa un altro signore di grigio vestito.

Il punto è che non tutti saranno saliti a Seborga per farsi quattro risate. Certamente alcuni saranno stati desiderosi di vivere un momento di spiritualità, di serietà, di storia vera. Ahimè: tutto questo il 20 agosto è mancato.

Leave a Comment

*