PREROGATIVE DI SEBORGA (CASTRUM SEPULCHRI)

PREROGATIVE DI SEBORGA (CASTRUM SEPULCHRI)

La località che oggi è chiamata Seborga, posta sui contrafforti appenninici della Liguria di ponente, tra Ventimiglia e Bordighera, compare nei documenti come feudo dei Conti di Ventimiglia. Nel 954 il Conte Guido dona il “Castum Sepulchri” (così era chiamato il luogo), unitamente alla chiesa di San Michele di Ventimiglia e gran parte delle sue terre ai monaci dell’abbazia di Lerino (o Lerin, Francia).

Nel 1079, Seborga diventa un Principato del Sacro Romano Impero e l’abate, il quale assume il titolo di Principe, riceve l’investitura da Papa Gregorio VII.

Nel 1118, viene istituita qui la Paupera Militia Christi, nel rispetto di tutti i crismi religiosi ed istituzionali, assommando il Sovrano di Seborga quel Potere Spirituale e Temporale (” … tam in Spiritualibus quam in Temporalibus …”) di cui nessuno altro Sovrano può disporre.

Nel 1127 Hugues de Payns assieme ad alcuni confratelli della Paupera Militia Christi, sulla via del ritorno da Gerusalemme, provenienti da Roma e diretti a Troyes dove si sta per tenere il concilio, sostano a Seborga. Qui li attende l’abate Bernard de Clairvaux (il futuro San Bernardo di Chiaravalle) che nomina Hugues primo Gran Maestro della Povera Milizia.

Nel Concilio di Troyes del 1128 Papa Onorio II approva la Prima Regola dei Pauperes Milites Christi. La Seconda Regola, perfezionata da San Bernardo, nel “De Laude Novae Militiae“, viene accolta da Papa Innocenzo III con la Bolla “Omne datum optimum” attraverso la quale l’Ordine usufruirà del “Nullius Diocesis”  (la non osservanza del Diritto Diocesano).

2018-01-16T15:42:38+00:00 27 Ottobre 2011|ARCHIVIO, CASTRUM SEPULCHRI, DOCUMENTI, VARIE|