LA CARTA DI SEBORGA

LA CARTA DI SEBORGA

LA CARTA DI SEBORGA [1]

La Carta di Seborga è composta di XXXIII articoli che sono pubblicati qui di seguito.

Articolo I. – L’opera del Venerabilis Ordo Sancti Sepulchri (in seguito V.O.S.S.) dei Cavalieri Bianchi di Seborga ha lo scopo di onorare e servire il nostro Signore Gesù Cristo e proteggere la Chiesa da lui fondata affinché possa adempiere al suo mandato.

Articolo II, – Il V.O.S.S., è un ordine sovrano di tradizione militare, inserito nella concezione cristiana della vita. Essere erede della “Paupea Militia Christi“, il cavaliere del V.O.S.S., è dotato di una vocazione ecumenica cristiana. Il segue che in ogni Preceptory / Commandery il cavaliere è in grado di seguire la strada cattolica romana o orientale ma anche quella di Ortodox. Tutti i cavalieri adorano e sono al servizio del nostro unico Signore: Gesù Cristo. Crediamo in un solo Dio, che chiamiamo l’Eterno Padre, nel suo unico Figlio, Gesù Cristo che divenne uomo, morì sulla croce e, dopo essere stato sepolto, risuscitò. Noi crediamo nello Spirito Santo, come annunciato da nostro Signore.

Articolo III – Noi, Cavaliere Diego, Priore Generale del VOSS, in totale armonia di intenti con il Capitolo Generale, stabiliamo che questo documento che è chiamato la “Carta di Seborga” deve d’ora in poi essere il principio guida del nostro Ordine e di ciascuno dei suoi membri.

Articolo IV – Il V.O.S.S. pone limiti all’ingresso nell’Ordine. Le persone di entrambi i sessi, di fede cattolica, regolarmente battezzate e confermate, che hanno completato il diciottesimo anno, possono entrare nell’Ordine. I soggetti di sesso maschile potranno accedere e appartenere alla classe I, II o III con funzioni e funzioni diverse. Le femmine saranno in grado di svolgere il ruolo di Dama. I sedicenni possono entrare nell’Ordine solo se sono figli dei Cavalieri. L’Ordine può accettare cavalieri femminili se questi soggetti sono stati regolarmente investiti e se provengono da ordini e / o precetti della fede cristiana ortodossa.

Articolo V. – Prima di entrare nell’Ordine, i postulanti devono dichiarare di non essere atei, non credenti, agnostici. I soggetti che entreranno nel V.O.S.S., non saranno in grado di praticare una fede diversa da quella cristiana. I Cavalieri saranno in grado di professare la fede cristiana ortodossa nel caso in cui Cavalieri, Comandanti, Precettori e Baglivati ​​operino in paesi della tradizione cristiana ortodossa.

Articolo VI – Il V.O.S.S. si schiera contro occultismo, stregoneria, pratiche pagane, sciamaniche e magia. Pertanto, i suoi membri non saranno in grado di esercitare queste pratiche a pena di espulsione.


[1] Il Venerabilis Ordo Sancti Sepulchri si riserva il diritto di definire in modo più specifico, in futuro, i casi di apostasia e i casi in cui a una persona può essere rifiutato l’ingresso nell’Ordine o può successivamente essere rimosso da esso.

2020-03-20T00:27:12+01:00 19 March 2020|ARCHIVE, DOCUMENTI|