S.E. L’ARCIVESCOVO GIULIO EINAUDI E’ TORNATO AL PADRE

S.E. L’ARCIVESCOVO GIULIO EINAUDI E’ TORNATO AL PADRE

Per le strade di Busca non incroceremo più il suo sguardo sincero e affabile, non sentiremo più il suo passo svelto mentre andava alla “Rossa” per celebrare l’Eucarestia.

In data 28 Dicembre l’arcivescovo Giulio Einaudi, dopo avere girato per tanti anni in lungo e in largo il mondo per portare la parola di Dio e dopo operato a difesa di Cristiani e della Cristianità in aree “ a rischio”, ci ha lasciati per tornare al Padre.  Mons Giulio aveva 89 anni. Originario di San Damiano Macra, conobbe fin fa bambino la sofferenza e le tragedie della guerra. Basti ricordare la rappresaglia messa in atto domenica 30 luglio 1944 dai nazi/repubblichini con incendio di tutte le case della frazione.

Nel 1951 era ordinato sacerdote. Trasferitosi poi a Roma per gli studi otteneva due Lauree, in Teologia e in Diritto Canonico. Il 1° agosto 1960 entrava nel servizio diplomatico della Santa Sede. Il 2 gennaio 1977, era consacrato vescovo della diocesi di Villamagna di Tripolitania.

Il suo curriculum diplomatico è impressionante: dal 1960 al 1965 fu segretario di nunziatura in Thailandia, Malesia e Singapore, con sede a Bangkok. Fino al 1971, fu uditore di nunziatura negli Stati Uniti, con sede a Whashington.  La Segreteria di Stato lo impiegò poi in Rwanda e Burundi, in Portogallo, in Pakistan. Fu anche visitatore in Afghanistan. A partire dal 1980 fu poi Nunzio Apostolico a Cuba (per otto anni, con sede a L’Avana), poi in Cile (1988-1998, sede a Santiago) e Croazia (1992-2003, sede a Zagabria). Raggiunti i limiti d’età, chiese di ritornare nella sua terra, Busca e la Valle Maira.

L’Ordine lo ricorda con particolare affetto. Legato da una profonda amicizia con il nostro Maestro, Mons. Giulio Einaudi sostenne e incoraggiò il nostro Maestro Diego nell’opera di commento ai primi cinque capitoli del De Laude Novae Militiae di San Bernardo. Con nostro grande stupore e ammirazione si offrì poi di leggere e revisionare il manoscritto prima della sua pubblicazione. Il Venerabilis Ordo Sancti Sepulchri confidava molto nelle indiscusse doti di mediazione, saggezza, catechesi e sincerità di Mons Giulio.

Ci mancherai.

2018-01-29T20:14:35+00:00 31 dicembre 2017|ARCHIVIO, COMUNICATI, VARIE|